Valsusa

La zona di produzione della Doc Valsusa comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni di Almese, Borgone di Susa, Bruzolo, Bussoleno, Caprie, Chianocco, Chiomonte, Condove, Exilles, Giaglione, Gravere, Mattie, Meana di Susa, Mompantero, Rubiana, San Didero, San Giorio di Susa, Susa e Villar Focchiardo, in provincia di Torino.

Le testimonianze storiche più recenti della viticoltura in Valsusa ed, in particolare, nel comune di Chiomonte, risalgono all'anno Mille, quando vi erano terreni coltivati dalla prevostura di Oulx in regione “Segneur” col vitigno “Avanà”, dove ancora oggi sorgono i vigneti coltivati. I vigneti sono posti su terreni rocciosi con pendenze variabilissime dall’altopiano al terrazzamento.

Questo vino viene prodotto nelle tipologie Rosso e Novello.

 Vitigno

Avanà, Barbera, Dolcetto e Neretta cuneese da soli o congiuntamente: minimo 60%; altri vitigni a bacca rossa, non aromatici, autorizzati e/o raccomandati per la provincia di Torino, da soli o congiuntamente, per il restante 40%.

 Caratteristiche

Aspetto

Il Valsusa Doc presenta colore rosso rubino più o meno intenso, talvolta con riflessi aranciati.

Profumo

L’odore è intenso, caratteristico, vinoso, con evidenti note fruttate.

Gusto

Il Rosso ha sapore asciutto, armonico, acidulo, moderatamente tannico, talvolta con lieve sentore di legno, mentre il Novello presenta sapore armonico, acidulo, moderatamente tannico.

Gradazione

Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 11,00% vol.

Età ottimale

-

 
 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Valsusa Rosso
  • Valsusa Rosso Novello

 Calice e servizio

Il vino Valsusa Doc va servito a temperatura di 16-18°C in calici per vini rossi giovani, entro il secondo anno dalla vendemmia.

 

 

 

 Abbinamento con i cibi

Il Valsusa Doc è ottimo con salumi di media stagionatura, carni bianche e rosse, pollo e coniglio alla cacciatora, salsicce in umido con legumi e polenta con sughi robusti di maiale.