Valli Ossolane

La zona di produzione dei vini Doc Valli Ossolane comprende l’intero territorio amministrativo dei comuni Beura Cardezza, Bognanco, Crevoladossola, Crodo, Domodossola, Masera, Montecrestese, Montescheno, Pallanzeno, Piedimulera, Pieve Vergonte, Premosello, Ornavasso, Trontano, Viganella, Villadossola, Vogogna, in provincia del Verbano-Cusio–Ossola.

Il territorio di produzione è compreso nella parte più a nord del Piemonte. In queste valli, utilizzando terrazzamenti che garantiscono porzioni di terreno coltivabile, viene allevata la vite, la cui forma di allevamento è chiamata “Topia” ed i pali di sostegno sono parte integrante del territorio in quanto costituiti dalla pietra ollare, pietra che viene estratta e lavorata dalle montagne ossolane. Il vitigno autoctono è un ecotipo di Nebbiolo, detto localmente “Prunent”.

Secondo lo Statuto di Villadossola del 1345 la vendemmia poteva iniziare solo a S. Michele, il 29 settembre, in quanto la morfologia del territorio poteva e può garantire una giusta maturazione delle uve solo alla fine di settembre.

Questa Doc viene prodotta nelle tipologie Bianco, Rosso, Nebbiolo e Nebbiolo Superiore.

 Vitigno

Bianco: Chardonnay min. 60%, possono concorrere altri vitigni a bacca bianca non aromatici idonei alla coltivazione nella Regione Piemonte max. 40%; Rosso: Nebbiolo e/o Croatina e/o Merlot min. 60%, possono concorrere altri vitigni a bacca rossa, non aromatici idonei alla coltivazione nella Regione Piemonte max. 40%; con menzione del vitigno rosso: Nebbiolo (anche Superiore): Nebbiolo min. 85%, possono concorrere altri vitigni a bacca nera, non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione Piemonte max. 15%.

 Caratteristiche

Aspetto

Il Rosso ha colore rosso rubino, intenso, tendente al rosso granato, il Nebbiolo si presenta di colore rosso rubino più o meno intenso, il Bianco ha colore paglierino più o meno intenso.

Profumo

L’odore delle varie tipologie dei vini della doc Valli Ossolani risulta vinoso e intenso, per il Rosso, fruttato, fragrante e delicato per le altre tipologie.

Gusto

Il sapore è asciutto ed armonico per il Rosso, secco ed armonico per le altre tipologie.

Gradazione

Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 11,50% vol per la tipologia Nebbiolo Superiore e di 11,00% vol per tutte le tipologie.

Età ottimale

Il vino Valli Ossolane Nebbiolo Superiore deve essere sottoposto a un periodo di invecchiamento di 13 mesi, di cui 6 mesi in contenitori di legno a decorrere dal 1° novembre dell'anno di raccolta delle uve.

 
 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Valli Ossolane Bianco
  • Valli Ossolane Rosso
  • Valli Ossolane Nebbiolo
  • Valli Ossolane Nebbiolo Superiore

 Calice e servizio

Il vino Valli Ossolane Doc Rosso va servito a 18 °C in calici da rossi di buon corpo stappando la bottiglia almeno un'ora prima. Il Bianco va servito a una temperatura di 10-12 °C in calici per vini bianchi giovani. 

 

 Abbinamento con i cibi

Il vino Valli Ossolane  Doc Rosso si può servire come vino a tutto pasto oppure in abbinamento ad antipasti di salumi, risotti e minestre di verdura, grigliate di carne bianca o rossa, funghi e formaggi a media stagionatura. Il vino Valli Ossolane Doc Nebbiolo si serve con piatti saporiti a base di carne rossa: risotti, pasta al ragù, agnello al forno, arrosti di manzo o maiale e formaggi a media stagionatura. Il vino Valli Ossolane Doc Bianco si abbina a tutti i piatti leggeri a base di pesce, crostacei o frutti di mare, verdure crude, grandi insalate estive, uova e formaggi freschi.