Lessona

Il Lessona Doc viene prodotto nell’intero territorio del comune di Lessona, in provincia di Biella, e si ottiene dal vitigno Nebbiolo, che concorre alla produzione di alcuni dei vini piemontesi più rinomati.

Questo vino veniva prodotto già in tempi antichi, come testimoniato dalla via Lessonasca, che congiungeva i vigneti di Lessona con la via del vino che portava a Vercelli. La Lessonasca era frequentata sin dai tempi dei romani, quando il vino veniva trasportato fino a Milano e Pavia. Fu proprio con questo vino che Quintino Sella, illustre statista e più volte ministro, brindò al primo governo dell’Italia Unita. Oltre un secolo dopo, nel 1976, la grande eccellenza di questo vino è stata riconosciuta con l’assegnazione della Doc.

Prodotto anticamente in abbondanti quantità, oggi il Lessona Doc è un vino raro e di qualità e viene prodotto anche nella versione Riserva.

 Vitigno

Nebbiolo (Spanna) dall'85% al 100%. Possono concorrere, singolarmente o congiuntamente, le uve provenienti dai vitigni Vespolina e Uva Rara (Bonarda novarese) fino ad un massimo del 15%.

 Caratteristiche

Aspetto

Colore rosso granato, con sfumature arancioni con l'invecchiamento.

Profumo

Il profumo è caratteristico che ricorda la viola, fine ed intenso.

Gusto

Il sapore è asciutto, gradevolmente tannico, con caratteristica sapidità e piacevole, persistente retrogusto.

Gradazione

Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 11,50% vol, per il Lessona Riserva 12,00% vol.

Età ottimale

È previsto un periodo di invecchiamento obbligatorio pari a 22 mesi (46 per la riserva), di cui 12 in legno (30 per la riserva), a partire dal 1° novembre dell'anno di raccolta delle uve.
 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Lessona
  • Lessona Riserva

 Calice e servizio

Va servito a una temperatura di 16-18 °C in calici per vini rossi di corpo, entro tre-quattro anni dalla vendemmia, o cinque-sei anni nelle migliori annate.

 

 


 Abbinamento con i cibi

Il Lessona Doc va degustato assieme a piatti di pasta o risotti conditi con ragù importanti (selvaggina, anatra), carni rosse cotte con intingoli saporiti, anatra farcita alla novarese.