Calosso

La zona di produzione delle uve atte a produrre i vini a denominazione d’origine controllata Calosso comprende l’intero territorio dei comuni di: Calosso, Castagnole delle Lanze e Costigliole D’Asti, in provincia di Asti.

Sulle splendide colline di questi comuni vitivinicoli del sud Astigiano, dove da sempre la viticoltura è parte integrante della vita economica e sociale (basti pensare che, proprio Calosso, è percentualmente tra i paesi più vitati di tutto il territorio nazionale, con oltre l’80% della propria superficie agricola destinata alla viticoltura), viene da sempre coltivato e conosciuto questo vitigno, diventato nel tempo un po’ il simbolo di riconoscimento di questa zona.

Viene prodotto anche nelle tipologie Riserva e Passarà (passito). Per quanto riguarda la tipologia passito, l'appassimento delle uve deve avvenire in ambienti idonei e può essere condotto con ausilio di impianti di condizionamento ambientale, purché operanti a temperature analoghe a quelle riscontrabili nel corso dei processi tradizionali di appassimento, escludendo qualsiasi sistema di deumidificazione operante con l'ausilio del calore. Le uve ammesse ad appassire per ottenere il vino Calosso Passarà non possono essere vinificate prima del 15 dicembre.

 Vitigno

Vitigno Gamba Rossa N. (sinonimo Imperatrice dalla gamba rossa) dal 90% al 100%; possono concorrere nella misura massima del 10%, congiuntamente o disgiuntamente, uve di altri vitigni a bacca nera non aromatici idonei alla coltivazione nella Regione Piemonte.

 Caratteristiche

Aspetto

Colore rosso rubino con riflessi aranciati con l’invecchiamento.

Profumo

Odore delicato, fragrante.

Gusto

Sapore armonico, caratteristico, secco nella tipologia Riserva.

Gradazione

Titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,50% vol per la tipologia Calosso Rosso, 14,00% vol per la tipologia Calosso Passarà, 12,00% vol per la tipologia Calosso Riserva.

Età ottimale

ll vino Calosso deve essere sottoposto a un periodo minimo di invecchiamento della durata di mesi 20 a decorrere dal 1° novembre dell'anno di raccolta delle uve; la tipologia Riserva, prima dell'immissione al consumo deve essere sottoposto a un periodo di invecchiamento di almeno 30 mesi a partire dal 1° dicembre dell'anno di produzione delle uve.
 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Calosso
  • Calosso Riserva
  • Calosso Passerà

 Calice e servizio

Va servito a 16-18°C, in un calice a ballon.

 

 

 

 

 

 Abbinamento con i cibi

Il Calosso si abbina perfettamente, con piatti ricchi di sapori e speziati.
Il passito è un vino strutturato ed armonico, ottimo da meditazione.