Barbera d'Asti

La Barbera è tra i vitigni più rappresentativi del Piemonte ed interessa circa il 35% dei 53 mila ettari di superficie vitata della regione. Originario del Monferrato, il vitigno è coltivato in gran parte dei comuni vitati nelle province di Asti ed Alessandria, dove raggiunge la sua massima espressione nel Barbera d’Asti, vino che ha ottenuto la Docg nel 2008. La Barbera d’Asti oggi rappresenta senza dubbio e forse più di ogni altro vino un prodotto in continua evoluzione ed è considerato tra i più importanti vini rossi italiani e ottiene crescenti consensi a livello internazionale. La prima traccia formale del Barbera si trova in un documento del XVII secolo conservato nel Municipio di Nizza Monferrato. Mentre se ne fa menzione ufficiale solo nel 1798, alla stesura della prima ampelografia dei vitigni coltivati sul territorio piemontese compiuta dal conte Nuvolose, vicedirettore della Società Agraria di Torino.

Viene prodotto in 118 comuni di provincia di Asti e 51 in provincia di Alessandria, nelle tipologie: Barbera d’Asti e Barbera d’Asti Superiore, anche con l’eventuale specificazione delle sottozone Nizza, Tinella e Colli Astiani o Astiano

 Vitigno

Barbera min. 90%, possono concorrere altri vitigni a bacca nera, non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione Piemonte max. 10%.

 

 

 Caratteristiche

Aspetto

Il Barbera d'Asti presenta colore rosso rubino tendente al rosso granato con l’invecchiamento.

Profumo

L'odore è intenso e caratteristico, tendente all’etereo con l’invecchiamento.

Gusto

Il sapore è asciutto tranquillo, di corpo, con adeguato invecchiamento più armonico, gradevole, di gusto pieno.

Gradazione

Titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 12,00% vol. (12,5% vol. se Superiore).

Età ottimale

Barbera d’Asti: dal 1° marzo successivo all’annata di produzione delle uve;
Barbera d’Asti Superiore: 12 mesi a decorrere dal 1° gennaio dell’anno successivo alla vendemmia con una permanenza minima di almeno sei mesi in botti di legno.

 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Barbera d'Asti
  • Barbera d'Asti Superiore

 Calice e servizio

La Barbera d'Asti va servita a 18 - 20°C in calice ballon.

 

 

 

 

 Abbinamento con i cibi

Si abbina ottimamente con primi piatti importanti (es. tagliatelle al sugo di lepre), piatti di carne (arrosti e brasati), selvaggina e formaggi stagionati.