Barbera d'Alba

Le uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine Barbera d’Alba devono essere prodotte nella zona di origine costituita dall’intero territorio dei comuni di: Alba, Albaretto della Torre, Barbaresco, Barolo, Borgomale, Camo, Canale, Castagnito, Castellinaldo, Castiglione Falletto, Castiglione Tinella, Castino, Corneliano d’Alba, Cossano Belbo, Diano d’Alba, Govone, Grinzane Cavour, Guarene, Magliano Alfieri, Mango, Monforte d’Alba, Montelupo Albese, Monticello d’Alba, Neive, Neviglie, Novello, Perletto, Piobesi d’Alba, Priocca, Rocchetta Belbo, Roddi, Roddino, Rodello, S. Vittoria d’Alba, S. Stefano Belbo, Serralunga d’Alba, Sinio, Treiso, Trezzo Tinella, Verduno, Vezza d’Alba; e in parte dal territorio dei comuni di Baldissero d’Alba, Bra, Cortemilia, Cherasco, La Morra, Monchiero, Montà d’Alba, Montaldo Roero, Monteu Roero, Narzole, Pocapaglia, S. Stefano Roero e Sommariva Perno, in provincia di Cuneo.

Il Barbera d'Alba nasce nelle Langhe, termine che secondo alcuni studiosi deriverebbe da Langues che non sono altro che delle lingue di terra che si estendono in un vivace gioco di profili, modulati dal mutare delle stagioni. Dal punto di vista geologico, le Langhe hanno origine nell'Era Terziaria o Cenozoica, iniziata quasi 70 milioni di anni fa. La marna tufacea bianca caratterizza il comprensorio di produzione, sulle colline alte a dominare il fiume Tanaro.

Viene prodotto anche nella tipologia Superiore.

 Vitigno

Barbera dall’85% al 100%; Nebbiolo da 0 a 15%.

 

 

 

 Caratteristiche

Aspetto

Colore rosso rubino.

Profumo

Odore fruttato e caratteristico; con eventuali sentori di legno nella tipologia Superiore.

Gusto

Sapore asciutto, sapido, armonico.

Gradazione

Titolo alcolometrico volumico totale minimo 12,00% vol, 12,50% vol per la tipologia Superiore.

Età ottimale

Per la tipologia Superiore è previsto un periodo di invecchiamento di 12 mesi, di cui 4 in legno, a decorrere dal 1° novembre dell'anno di raccolta delle uve.
 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Barbera d'Alba
  • Barbera d'Alba Superiore

 Calice e servizio

Va servito a 16-18 °C, in un calice a ballon e consumato entro 5-6 anni dalla vendemmia.

 

 

 

 

 Abbinamento con i cibi

Questo rosso si associa bene ad antipasti caldi piemontesi, primi piatti particolarmente saporiti, piatti con carni sia bianche che rosse, pollame e formaggi a pasta dura.