Asti

L’Asti Docg si produceva nel Monferrato e nelle Langhe già nel 1200. La produzione avviene nel territorio che comprende 52 Comuni (escluso Asti) che si trovano in tre aree provinciali del Sud Piemonte tra Alessandria, Asti e Cuneo. La denominazione Asti senza altra indicazione o accompagnata dalla specificazione spumante (Asti o Asti Spumante) è riservata alla tipologia di vino spumante, mentre la stessa denominazione preceduta dalla specificazione moscato, Moscato d'Asti è riservata al vino bianco non spumante.

Molti sono i fattori che concorrono a realizzare l’unicità dell’Asti Docg: il clima, la composizione del terreno, l’esposizione del vigneto, la sanità dell’uva, le tecniche di coltivazione e di raccolta, persino il vignaiolo che le pratica. C’è poi il fattore cantina in quanto vinificazione, trasformazione, ricerca, spumantizzazione e tecniche enologiche sono tra i motivi principali della forti connotazioni che rendono questo vino spumante unico al mondo. Favorito da un ambiente di origine particolare, è prodotto con tecniche scoperte e perfezionate proprio nella zona di produzione e che permettono al vino di conservare il caratteristico aroma dell’uva appena raccolta.

Viene prodotto nelle seguenti tipologie: Asti o Asti Spumante, Asti o Asti Spumante Metodo Classico, Moscato d’Asti, Moscato d’Asti vendemmia tardiva.

Altre tre denominazioni Docg del Moscato d’Asti comprendono le sottozone “Canelli”, “Santa Vittoria d’Alba” e “Strevi”, le cui norme di produzione sono disciplinate dagli allegati in calce allo stesso disciplinare di produzione dell’Asti docg.

 Vitigno

Moscato Bianco 100%.

 

 

 

 Caratteristiche

Aspetto

L'Asti Spumante presenta un colore che va dal paglierino al dorato assai tenue, mentre il Moscato d'Asti è di colore paglierino più o meno intenso.

Profumo

L'odore dell'Asti Spumante è caratteristico, spiccato, delicato, quello del Moscato d'Asti è caratteristico e fragrante.

Gusto

Il sapore dell'Asti Spumante è aromatico, caratteristico, delicatamente dolce, equilibrato; quello del Moscato d'Asti è dolce, aromatico, caratteristico, talvolta vivace o frizzante.

Gradazione

Il titolo alcolometrico volumico minimo è di 12,00% vol per quanto riguarda l'Asti Spumante, e di 11,00% vol per il Moscato d'Asti.

Età ottimale

Il vino "Moscato d'Asti Vendemmia Tardiva" deve essere sottoposto ad un periodo di affinamento di almeno un anno, calcolato a decorrere dal momento della preparazione.

 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Asti o Asti Spumante
  • Asti o Asti Spumante Metodo Classico
  • Moscato d'Asti
  • Moscato d'Asti Vendemmia Tardiva

 Calice e servizio

Va servito freddissimo, a 6°-8°C, inclinando leggermente la bottiglia in avanti al momento di stapparla, in coppa con il calice basso e la forma molto ampia per valorizzare i profumi e gli aromi.

 

 

 Abbinamento con i cibi

Asti e Moscato d'Asti si abbinano perfettamente con tutte le torte e la pasticceria fresca e secca. Nella regione il Moscato entra a far parte degli ingredienti dello zabaione al posto del tipico marsala.